Unisa: piano tasse a.a. 2021/2022

Unisa: piano tasse a.a. 2021/2022

Tasse, scadenze, ISEE, mora: non sono semplici termini, ma elementi con cui gli studenti dell’Università degli studi di Salerno devono confrontarsi ogni anno. L’unione di queste espressioni dà vita al piano tasse, il regolamento in materia di contribuzione studentesca che l’ateneo dispone ogni anno. Quello relativo all’anno accademico 2021/2022 è visionabile sul sito ufficiale di ateneo, nella sezione “Servizi ed Informazioni”, alla voce “Tasse e Contributi”. Qui sono tre le guide presenti inerenti ai contributi: uno per i corsi di laurea triennale di primo livello e le magistrali a ciclo unico; un altro per i corsi di laurea specialistica/magistrale; e, infine, un terzo per coloro che sono iscritti ai corsi di laurea del vecchio ordinamento. I criteri che stabiliscono quali sono le somme che dovrà versare il singolo studente sono gli stessi per tutti e tre i regolamenti: valore dell’ISEE in corso di validità, il numero di anno al quale si è iscritti, e i CFU maturati prima del 10 agosto 2021. Sulla base di queste caratteristiche, compariranno le tasse da dover pagare nella propria area esse3. Da qui le corse allo sportello per riuscire a provvedere al pagamento prima della data di scadenza prevista altrimenti se si ritarda anche solo di un giorno scatta la mora di €50. 

L’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) è lo strumento utilizzato dall’università di Salerno per inserire e categorizzare gli studenti nelle varie fasce di contribuzione. Provvedere alla compilazione del modello rappresenta un obbligo per tutti coloro che si iscrivono all’ateneo. Infatti, chi non lo richiede presso gli uffici competenti (ad esempio CAF) sarà collocato automaticamente nell’ultima fascia (la decima) corrispondente a quella di chi ha un valore ISEE superiore a €58.800. Dato che l’ISEE sarà consultato direttamente dagli archivi dell’INPS, gli studenti non sono tenuti ad averlo cartaceo ma solo ad inoltrare la richiesta. In quest’ottica si colloca l’innalzamento della No Tax Area, considerata un’importante novità sul piano della contribuzione studentesca per supportare le famiglie, motivo di orgoglio per l’ateneo salernitano. La soglia è passata da un valore di €23mila (somma stabilita per lo scorso anno accademico) a €30mila. Le nuove matricole con un valore ISEE compreso tra €0 e €30.000 saranno quindi totalmente esonerate dalle tasse universitarie e lo stesso vale per gli studenti già iscritti (fino al 1° anno fuori corso) in possesso dei requisiti minimi di merito previsti. 

L’incremento della soglia della No Tax Area è stato definito l’intervento più significativo delle politiche di attenzione agli studenti dall’attuale rettore Vincenzo Loia. Un passo importante, ma che esclude una gran parte della classe studentesca. Anche questa volta, nel piano delle agevolazioni non c’è stato spazio per la categoria dei fuori-corso. Quest’ultimi, soprattutto gli iscritti al doppio degli anni della durata prevista dal corso di laurea (esempio: quarto anno della triennale), sono costretti a pagare dei contributi annuali decisamente elevati e che nelle ultime fasce risulta poco meno di €2mila (per i corsi di laurea triennale e le magistrali a ciclo unico) ed anche oltre nel caso dei corsi di laurea specialistica/magistrale (€ 2.210). Somme che pur essendo ripartite in tre rate spalmate durante tutto l’anno accademico pesano (e non poco) sull’economia familiare.  

Preoccupazione principale per gli studenti è il doversi ricordare entro quando provvedere al pagamento delle tasse per evitare la mora. Le scadenze e gli ultimi giorni utili da dover tenere a mente per l’anno accademico 2021/2022 sono i seguenti:

– Entro il 30 settembre 2021 provvedere al pagamento della I rata;
– L’8 ottobre 2021 per la conferma il piano di studio con la selezione dei relativi esami opzionali scelti per il corso di laurea alla quale si è iscritti;
– Il 15 ottobre 2021, ultimo giorno utile per richiedere l’ISEE;
– Entro il 20 dicembre 2021 versare la II rata;
– Entro il 31 marzo 2022 pagare la III rata.

Ad essere esonerati dall’iscrizione e il versamento di qualsiasi contributo sono gli studenti che conseguiranno la laurea sia triennale e sia magistrale ciclo unico o specialistica entro il 31 marzo 2022. Se entro questa data sono riusciti solo a superare tutti gli esami previsti dal piano di studio e manca solo la discussione della tesi (prova finale), dovranno comunque procedere all’iscrizione per l’a.a. 2021/2022 e al conseguente versamento del contributo onnicomprensivo annuale pari a €216. Anche questo criterio vale sia per i corsi di laurea triennale, magistrale a ciclo unico e sia per quelli specialistica/magistrale. Se entro il 31 marzo 2021 gli studenti non sono riusciti a conseguire la laurea né a completare il piano di studi, faranno fede i crediti formativi ottenuti entro il 31 dicembre 2021. Se il numero di CFU degli esami mancanti per completare il piano di studio equivale a 30 (per i corsi di laurea triennale e magistrale a ciclo unico) e 35 (per i corsi di laurea specialistica), si dovrà provvedere ad effettuare l’iscrizione al nuovo anno e al versamento del contributo onnicomprensivo senza dover saldare anche la mora. 

Le matricole dell’Università di Salerno sapranno presto destreggiarsi tra tasse, fasce di ISEE, No Tax Area e CFU quasi alla stregua degli studenti già abituati a masticare questi vocaboli. Un buon inizio potrebbe essere quello di segnarsi le scadenze più importanti in modo da allontanare il più possibile le affannose corse per evitare di far scattare la mora.

Annaclaudia D’Errico