Spotted Unita: la solidarietà di chi studia all’Unisa

Spotted Unita: la solidarietà di chi studia all’Unisa

Quest’anno a portare la magia del Natale a centinaia di bambini/e ci hanno pensato gli studenti e le studentesse dell’Università degli studi di Salerno. Tramite una raccolta fondi hanno acquistato giocattoli e leccornie di ogni tipo per donarli al reparto pediatrico dell’ospedale della città. Parte della somma – raccolta in solo tre giorni – è stata destinata anche per la spesa di prodotti e beni alimentari per la Mensa dei Poveri San Francesco di Salerno. Il tutto organizzato ed effettuato attraverso il social Instagram. L’iniziativa prende il nome di “Spotted Unita” ed è gestita dal canale Spotted:UNISA, account molto popolare tra gli/le iscritti/e dell’ateneo salernitano. 

Si tratta di una raccolta fondi avvenuta tramite il sito PayPal a cui poter contribuire con qualsiasi cifra e che con l’adesione di circa 250 studenti e studentesse è riuscita a raggiungere la somma di €1.490,00. Per essere il più trasparente possibile, l’anonimo gestore di Spotted:UNISA ha documentato ogni step attraverso delle stories postate su Instagram e visionabili tra quelle in evidenza presenti sul canale. Una volta chiusa la raccolta, con la somma ottenuta, è stata responsabilità di Spotted recarsi nei vari negozi per procedere all’acquisto di doni e dolciumi. Durante l’acquisto dei giocattoli presso il negozio Toys di Salerno i gestori, oltre a consigliare e fornire suggerimenti per la scelta di giocattoli per tutte le età e le aspirazioni, hanno deciso di contribuire alla spesa con un ingente quantitativo. Per l’occasione, Spotted ha deciso di donare anche l’iconico orologio di Minnie, unico segno distintivo nelle riprese delle stories Instagram, “con la speranza che quest’ultimo possa portare il meglio alle generazioni di studenti che verranno”. Considerata l’elevata somma, parte del ricavato sarà utilizzato per la spesa di prodotti alimentari per la Mensa dei Poveri San Francesco di Salerno. Inoltre, si è già alla ricerca di un terzo ente da includere nell’iniziativa per cui l’unico requisito richiesto è che quest’ultimo sia disposto ad accettare contributi materiali e a fornire tangibilità sul loro uso. 

La somma raccolta quest’anno è riuscita a superare quella del 2020 che ammontava a €1.000,00 ottenuti in soli due giorni. La prima edizione di “Spotted Unita” si è svolta proprio nel periodo in cui l’hashtag #iorestoacasa spopolava sui social per sensibilizzare le persone a rimanere nelle proprie dimore per la salvaguardia della loro salute e quella degli altri anche durante le festività. Alla domanda “Vi sembra giusto passare il Natale a casa?” – sondaggio in cui vinse il sì – seguirono una serie di storie in cui si parlava di coloro che erano costretti a trascorrere il Natale nel reparto di pediatria dell’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno. L’invito era quello di non rimanere fermi davanti a situazioni più drammatiche e ad aderire liberamente all’iniziativa “Spotted Unita” per regalare un sorriso a chi non dovrebbe pensare ad altro. Stimolo a cui gli studenti e le studentesse dell’università di Salerno non hanno saputo resistere e che ha permesso alla campagna di ottenere un inaspettato successo. Proprio in questo contesto – sempre tramite un sondaggio Instagram su Spotted – è stato deciso di includere nell’iniziativa anche la Mensa dei Poveri San Francesco di Salerno. Il tutto fedelmente documentato: dall’acquisto dei giocattoli e di cioccolate, merendine e dolci di ogni tipo per bambini/e e genitori dell’ospedale pediatrico di Salerno fino alla spesa di farina, pasta, carne e altri prodotti per la mensa dei poveri della città. 

Le somme totalizzate in questi due anni di attività e il successo ottenuto dall’iniziativa allo stesso organizzatore sembrava irraggiungibile. Soprattutto, considerato che a nessuno è dato conoscere l’identità di chi si cela dietro la pagina ed era comprensibile che qualcuno/a avesse remore a donare ad un “anonimo”, ma la realtà è stata nettamente diversa. Questo ha dato la dimostrazione di quanto l’unione di studenti e studentesse dell’ateneo salernitano riesca ad ottenere risultati importanti e quando si tratta di essere solidali nessuno/a salta la stories Instagram. 

Spotted Unita” è ufficialmente entrata a far parte della tradizione natalizia della compagine studentesca dell’Università di Salerno. L’augurio è che possa coinvolgere sempre più sostenitori e sostenitrici.

Annaclaudia D’Errico

Per uno sguardo più completo clicca qui per vedere il post pubblicato sul nostro canale Instagram!