vipera delle alpi

Vipera delle Alpi. Vipera Aspis Atra: La Vipera aspis atra comunemente chiamata vipera delle Alpi, è presente in quasi tutto il Sopra-Ceneri. La scorsa estate chi scrive ne ha viste ben tre, attraversare serafiche la strada, saltare fuori da un orto o azzuffarsi con un cane tra i cespugli di ginepro. Vipera walser Ghielmi, Menegon, Marsden, Laddaga, Ursenbacher, 2016 La vipera dei Walser ( Vipera walser Ghielmi, Menegon, Marsden, Laddaga, Ursenbacher, 2016 ) è un serpente della famiglia Viperidae , diffuso in Italia nelle Alpi occidentali , nella zona di Biella e nell'alta Valsesia. sono i luoghi prediletti in cui stabiliscono la loro tana. La vipera aspis è diffusa sulle Alpi e sugli Appennini. Questo serpente predilige ambienti ben esposti al sole e lo si può incontrare in sassaie, corridoi di valanghe, pascoli con muri a secco e altri habitat in cui trova cibo e riparo. Le vipere delle Alpi Novembre 20, 2020 4 Mins Read. Vipera Aspis (aspide) È diffusa sulle Alpi e sugli Appennini, il suo areale preferito è costituito da luoghi caldi e asciutti, ha un’ indole mite e solitamente fugge se molestata. Il pronto intervento vi potrà dare un’idea dei tempi di attivazione del soccorso, in base a questo potrete valutare se è più rapido portare direttamente la vittima del morso a valle al più vicino ospedale o aspettare i soccorritori sul posto. Valle d’Aosta: 12 brevi gite con i bambini per mano, Lac Longet (Passo del Piccolo San Bernardo). La vittima deve essere portata in ospedale, ma seguite i consigli degli addetti per le modalità. La vipera è tornata: allarme su Alpi, Costa Azzurra e in tutta Italia Pericolo per le escursioni e le passeggiate in montagna, le vipere sono tornate in massa. Di seguito il testo del comunicato stampa del MuSe: La testa, piatta e triangolare, è ben distinta dal resto del corpo per via del collo stretto. Parliamoci chiaro, le vipere in montagna ci sono, ci sono sempre state e il fatto che non si vedano non deve mai farci abbassare la guardia. Altri invece hanno provato l’ebbrezza dell’incontro a tu per tu. Quella buona: nelle Alpi italiane nord-occidentali è stata scoperta una nuova specie di vipera, chiamata Vipera walser.La cattiva, purtroppo, è che la specie è già considerata in via d’estinzione. –Non succhiate mai il veleno, sono stati riportati numerosissimi casi di avvelenamento da suzione. I rettili sono stati risvegliati definitivamente dal caldo Non si contano più le segnalazioni su tutte le Alpi di avvistamenti di vipere. Per navigare su JuzaPhoto, è ... Vipera aspis ssp. I più fortunati si sono limitati a sentire solo fruscii nel sottobosco o magari a trovare il serpente stecchito sul sentiero. Abruzzo: Galleria successiva: Serpentes - Erycidae & Colubridae . Sono diffuse soprattutto nel nord Italia e possiedono un corpo piuttosto grosso. La Vipera ammodytes vive in Italia sulle Alpi nordorientali: Friuli-Venezia Giulia, Veneto settentrionale, Alto Adige. La vipera è un animale schivo, molto legato al territorio. Questo rettile predilige un ambiente molto soleggiato, lo si può incontrare in sassaie, corridoi di valanghe, pascoli con muri a secco “masiere”. La vipera dei Walser (Vipera walser Ghielmi, Menegon, Marsden, Laddaga, Ursenbacher, 2016) è un serpente della famiglia Viperidae, diffuso in Italia nelle Alpi occidentali, nella zona di Biella e nell'alta Valsesia. Morso di vipera, 21enne in Rianimazione Il ragazzo era in escursione con i genitori nella zona di Malga Pradalon ed è stato colpito da shock anafilattico di Laura Milano 27 Agosto 2017 La punta del muso è rivolta verso l’alto e ha squame molto piccole e fitte. La Vipera walser però, nonostante sia stata identificata da poco, è già in pericolo di estinzione: vive infatti in un territorio molto ristretto delle Alpi piemontesi a una quota compresa tra i 1.500 e 2.100 metri. La prima descrizione della nuova specie è avvenuta sulla rivista Journal of zoological systematics and evolutionary research.[1]. La Vipera berus o marasso palustre, è soprattutto diffusa in montagna nel Nord Italia. Vipera berus (ssp. La Rosa delle Alpi è un arbusto sempreverde con fusti legnosi, tortuosi e fragili, che può superare il metro di altezza, con foglie coriacee, ovali-oblunghe, verdi lucidi nella pagina superiore e rosso rugginose in quella inferiore. [1], Il territorio di diffusione particolarmente limitato, le modifiche ambientali e il pericolo di cambiamento globale fanno sì che, insieme alla descrizione, gli studiosi abbiano proposto subito di inserire Vipera walser tra le specie in pericolo di estinzione (Endangered). Mantenete la calma, verosimilmente si defilerà di sua spontanea volontà. Vipera aspis, una delle Vipere d’Italia più comuni Vive in ambienti freschi ma ben assolati, predilige pietraie, incolti poveri di vegetazione con pochi arbusti, prati e pascoli di montagna. In generale proprio i bambini potrebbero andare più facilmente a disturbare una vipera in casa sua, infilando maldestramente una mano tra i sassi, in una catasta di legna, in un buco del terreno, o nel sottobosco per cogliere un fiore o una fragolina di bosco. Il caso è partito dalla zona francese delle Alpi di Paca, dove alcuni organi di informazione parlano addirittura di un’invasione. Ha un singolare corno sulla parte superiore della bocca che la contraddistingue da tutte le altre specie di vipere presenti nel nostro paese. "infernalis". Vipera . Prediligge luoghi caldi e asciutti, ha un’ indole mite e solitamente fugge. Il capo è una delle altre caratteristiche distintive della vipera, poiché è di spiccata forma triangolare. Vipera aspis atra, comunemente chiamata Vipera delle Alpi, è una delle cinque sottospecie che appartengono a gruppo aspis. Le vipere solitamente non sono aggressive, ma se provocate o disturbate attaccano. Per approfondire: vipera. La vipera può raggiungere la lunghezza di 50 cm, il suo tronco è tozzo e la coda è cortissima e appuntita. La vipera, conosciuta anche come aspide, è un serpente appartenente alla famiglia delle Viperidi. Le Alpi sono la catena montuosa più importante d'Europa, situate nell'Europa centrale a cavallo dei confini di Italia, Francia, Svizzera, Liechtenstein, ... La Vipera aspis o Vipera comune è presente dalle aree piane fino ad oltre 2500 m di quota, un po' in tutti gli ambienti. La “Vipera aspis” viene anche chiamata Vipera delle Alpi o Vipera Comune. La vipera comune (Vipera aspis) è un animale presente in Europa centrale ed occidentale.La troviamo a basse quote (talvolta anche a livello del mare) e di norma fino a 2000 metri di altezza; sulle Alpi può spingersi anche fino a 2700 m di quota. La vipera ursini o dell’orsini vive in italia centrale, soprattutto in abruzzo, ma anche marche e umbria. Vipera delle Alpi (Vipera aspis aspis, "ex atra"), esemplare melanotico var. LA FAUNA DELLE ALPI. Vipera in casa, arrivano i pompieri Il rettile, lungo una ventina di centimetri, si era rifugiato sul terrazzo 02 Agosto 2014 Share. Quello che dovete cercare di evitare di fare in qualsiasi circostanza è non calpestarla, comunque mai di proposito, perché rischiate di renderla aggressiva. Le vipere delle Alpi - Archivio fotografico e descrittivo delle vipere d'Europa. 250.000 km² si sviluppa da 5º a 17º di longitudine E e da 43º a 48º di latitudine N. Nella geografia dell'Europa le Alpi rappresentano un potente fattore di determinazione degli aspetti fisici e umani. L’Italia rappresenta in realtà la parte più occidentale del territorio di distribuzione di questa vipera, a diffusione prevalentemente balcanica (dalla Croazia fino alla Grecia, a sud, al Caucaso a est). serpenti. Anche quando ritirate la coperta ed eventuali indumenti da terra ricordate di scuoterli bene, per scongiurare ogni rischio. Sono di piccole dimensioni e disposte in modo disordinato. Dove si trova? “Tuttavia – continua Marsden – il declino delle attività agropastorali negli ultimi 100 anni ha consentito che il bosco si rigenerasse, riducendo l’habitat della vipera… La Vipera ammdytes o vipera dal corno, si trova nelle Alpi Orientali. atra, female (Ticino, Svizzera) A�. Il mondo leggendario delle Alpi conserva e trasmette “valori buoni” che sono ancora utili alla società di oggi, globalizzata e digitalizzata: l’onore della fatica per un lavoro ben fatto, la solidarietà come necessità impellente, il rispetto per la natura e la misura in uno sviluppo economico che non può essere infinito. Di seguito qualche informazione utile, che potrò aiutarvi a convivere più serenamente con questo pericolo. L’importante è mantenere la calma, sia che siate la vittima sia che stiate soccorrendo una vittima, cercate di non andare nel panico e di prendere saldamente in mano la situazione, una buona gestione della crisi dipende interamente dalla vostra lucidità. Vipera Walser, endemica delle Alpi Occidentali, nella zona di Biella, è stata scoperta solo nel 2016, assomiglia molto alla Berus, ma ad un esame attento offre differenze morfologiche sostanziali, già conosciuta come “Vipera del Rododendro” , per la tendenza ad appostarsi in … Tenete presente che la vittima del morso può accusare forti dolori a livello locale e senso di malessere generale, cefalea, nausea, diarrea, ecc. Ha il muso lungo e affusolato, le orecchie dritte, appuntite e nere nella parte posteriore e le zampe corte. Si tratta di un serpente di lunghezza medio-piccola, di solito, infatti, non supera i 75 cm. Nel Ticino vengono differenziate due sottospecie di Vipera comune: la Vipera delle Alpi (Vipera aspis atra) dall'ornamentazione dorsale più marcata, caratteristica del Sopraceneri, e la Vipera di Redi (Vipera aspis francisciredi) dal disegno molto meno marcato, che vive nel Sottoceneri e sulla sponda destra del fiume Ticino, da Arbedo fino alla foce. Corriere delle Alpi; ... ma una giovane vipera, lunga una ventina di centimetri ma ugualmente già in possesso di veleno, forse attirata dal calore delle piastrelle. Il suo habitat preferito è costituito da luoghi caldi e asciutti, dalla pianura fino ad oltre 2500 metri di quota. Cervone Vs Vipera. Più che i rumori, i serpenti avvertiranno la vibrazione e, allertati della vostra presenza, se ne staranno alla larga. Share. alpi. La vipera dal corno si contraddistingue per la presenza di un’appendice carnosa sul muso che assume appunto la forma di un corno. Per risultare letale la vipera deve iniettare tutto il veleno contenuto nelle ghiandole, il che significa che non deve averne utilizzato in precedenza per cacciare. La specie è difficilmente distinguibile dal marasso (Vipera berus) dal quale può essere distinta solamente ad un esame specialistico attraverso l'osservazione della disposizione delle placche craniali e tramite analisi genetiche. Un tempo, spiega l’esperto, le grandi aree delle Alpi adibite a pascolo rappresentavano l’habitat ideale per la Vipera walser. In Trentino è considerata estinta. Allo stato attuale delle conoscenze, la nuova specie sembra essere presente solamente in alcuni piccoli frammenti di territorio, essendo il suo habitat molto circoscritto, poichè sembra prediligere ambienti aperti e rocciosi, mentre diserta quelli boscosi. Svizzera: Vipera dell'Orsini (Vipera ursinii ursinii), femmina nel suo habitat. -Vipera aspis atra (Vipera delle Alpi) che copre il restante del territorio cantonale, per cui le valli del SopraCeneri. Una vipera sconosciuta scoperta nelle montagne delle Alpi biellesi … – Valtellina News. Le squame della testa della vipera sono diverse degli altri serpenti. In Trentino è considerata estinta. Le pupille sono verticali e la bocca è munita, nella mascella superiore, di due lunghi denti veleniferi erettili. -Se ce l’avete sottomano fate impacchi con ghiaccio Da ultimo la vipera walser o vipera dei rododendri, scoperta nel 2016 e localizzata in un ristretto territorio delle alpi occidentali, tra biella e la valsesia. Lo si può trovare dal fondo valle fino a 2500m, più raramente verso i 3000 metri. In attesa di ricevere le foto e altro materiale riguardante questi animali che non è improbabile incontrare durante le nostre escursioni vorrei fare alcune considerazioni seguite da alcune indicazioni di massima sul comportamento da tenere in caso di morsicatura da vipera in modo da tranquillizzare da subito sugli effetti di quello che è ritenuto a torto un flagello. risale alla radice preindeuropea *alb o *alp, monte, altura].La più vasta ed elevata catena montuosa d'Europa, che con una superficie di ca. Una nuova specie di vipera nelle Alpi italiane: il team internazionale di ricercatori che la��ha rinvenuta e studiata propone di inserirla – giA� – tra le specie a rischio estinzione. Trovano vipere lungo il sentiero, soccorsi sulle Alpi Giulie. le squame delle vipere sono generalmente più carenate di quelle degli altri serpenti italiani, ovvero sono divise per la lunghezza in due metà da una specie di cresta che conferisce alle placche l’aspetto della carena di un’imbarcazione. Vipera aspis atra, comunemente chiamata Vipera delle Alpi, è una delle cinque sottospecie che appartengono a gruppo aspis. Sembra che gli abitanti delle Alpi biellesi avessero già dato un nome comune a questa vipera che non era esattamente uguale alle altre, chiamandola “ vipera dei rododendri “. In caso di morso a bambini, la situazione è più delicata proprio per una questione di rapporto sfavorevole tra la quantità di veleno e la ridotta massa corporea della piccola vittima. [1][2], Anche se fenotipicamente indistinguibile dal marasso, la vipera dei Walser è geneticamente più affine ad altre specie che vivono nel lontano Caucaso, come Vipera kaznakovi o Vipera darevskii, da cui la specie appena scoperta potrebbe essere derivata in seguito a uno spostamento durante le ere glaciali. La paura dei serpenti è molto comune. Home Community Blog Una vipera sconosciuta scoperta nelle montagne delle Alpi biellesi … – Valtellina News. Vipera delle Alpi Questa vipera velenosa – il cui morso può essere molto doloroso e a volte anche fatale – raggiunge almeno i 60 cm di lunghezza e, a differenza di altri serpenti, il maschio è più lungo della femmina. Potete trovarne dalla pianura fino oltre i 2500 m, tendenzialmente nei periodi più caldi dell’anno. Ha una coda corta, una testa triangolare, le squame gialle, dorate o grigie e delle macchie verdi o nere a forma di zig zag. Cercate di mantenere il vostro sangue freddo. Vipera aspis ssp. la vipera nera o vipera Aspis, detta anche vipera delle Alpi, si riconosce poiché l’intero corpo è nero, grigio o marrone. Trova la foto stock perfetta di alp asp viper vipera aspis atra. Fino a qualche anno fa l’antidoto al morso di vipera era il siero antiveleno, efficace solo se mantenuto a una temperatura di max 6 gradi. una nuova specie di vipera. Per risultare letale la vipera deve iniettare tutto il veleno contenuto nelle ghiandole, il che significa che non deve averne utilizzato in precedenza per cacciare. Il suo areale è limitatissimo (si parla di appena 500 Km2) e si trova nelle Alpi … Quando vi avventurate fuori dal sentiero per cogliere frutti di bosco, scattare fotografie o riposarvi per qualche minuto su un sasso, o stendete la coperta sul prato per il picnic è buona norma scandagliare molto bene i dintorni e successivamente battere con i bastoni da trekking sul suolo e sui sassi. Vipera (Ansa) L’allarme arriva dalla Francia: troppe vipere sui sentieri battuti dagli escursionisti sulle Alpi, in Provenza e in Costa Azzurra. 118 relazioni. Infine, vi è la vipera walser che vive solo in una zona ristretta delle Alpi piemontesi, ed è molto simile alla berus. -Non applicate disinfettanti a base di alcol. L’ aumento di casi di choc anafilattico in seguito all’iniezione di siero ha portato ad accantonare questa soluzione, praticata ormai solo dal personale ospedaliero. Nessun obbligo di registrazione, acquista subito! Sullo stesso argomento Effetto Dunning-Kruger: attenzione alla trappola cognitiva La si può osservare in habitat diversi, a condizione che essi offrano le possibilità di rifugio e di insolazione necessarie al suo ciclo annuale di attività, come è appunto il caso delle aree cespugliose, pietrose e esposte a sud. Enorme raccolta, scelta incredibile, oltre 100 milioni di immagini RF e RM di alta qualità e convenienti. Type above and press Enter to search. Io sto con le vipere ! Tempo di lettura: 2 minuti 2 secondi . Share on Facebook Share on Twitter Email. Sono caratterizzate dal corpo tozzo, dalla coda corta e dalla testa di forma triangolare che si stringe in punta all’altezza del muso che è leggermente all’insù. La Vipera comune predilige soprattutto i versanti ben soleggiati delle Alpi e del Giura, dalla pianura fino a oltre i 2'000 m di altitudine. A questo punto il morso sarebbe legittima difesa, ma anche in questo caso non disperate. 26 Giugno 2017 27 Giugno 2017 Redazione Alpi Giulie, Cnsas, Jof Fuart, vipere. Segnalazioni che si sono verificate anche nelle nostre zone, dove i rettili sono […] Questa vipera velenosa – il cui morso può essere molto doloroso e a volte anche fatale – raggiunge almeno i 60 cm di lunghezza e, a differenza di altri serpenti, il maschio è più lungo della femmina. La Volpe è un canide di medie dimensioni (lunga da 65 a 75 cm). Scoperta una nuova specie di vipera, la Vipera dei walser (Vipera walser), che prende il nome dalla popolazione che vive in alcune valli a sud del Monte Rosa. di Vipere delle Alpi 0 commenti, 42 visite . francisciredi, male (Lombardia, Ita. Share on Facebook Share on Twitter Email. [1][2], Il nome fa riferimento ai Walser, popolazione di origine germanica presente nella zona del Monte Rosa sin dal XIII secolo..mw-parser-output .chiarimento{background:#ffeaea;color:#444444}.mw-parser-output .chiarimento-apice{color:red}[senza fonte], Vipera walser è stata scoperta agli inizi del 2016 da un gruppo di biologi italiani ed europei. Il Soccorso Alpino ha tratto in salvo questo pomeriggio due escursionisti che hanno richiesto aiuto nelle Alpi Giulie, sulle pendici settentrionali del Jôf di Montasio. Muretti a secco, case diroccate, pietraie, fascine di legna, pagliai, erba alta, zone paludose o aree in prossimità di corsi d’acqua ma anche fitti arbusti del sottobosco (rododendri, ginepri, piante di mirtillo, ecc.) ... La fauna delle alpi, Giorgio Marcuzzi, 1988, Manfrini Editore,ISBN 88-7024-362-1; Gli occhi, infine, hanno la pupilla di forma ellittica, disposta in maniera verticale. L’Italia rappresenta in realtà la parte più occidentale del territorio di distribuzione di questa vipera, a diffusione prevalentemente balcanica (dalla Croazia fino alla Grecia, a sud, al Caucaso a est). La colorazione varia dal nero, al beige fino al rosso scuro, con macchie e strisce dorsali scure. Non ama i boschi dove vi si avventura soltanto di notte in cerca di prede. L'aspide o vipera (Vipera aspis (Linnaeus, 1758)) è un serpente della famiglia Viperidae, diffuso in Europa occidentale. Pare che gli abitanti delle Alpi biellesi avessero coniato già un nome per questa vipera che non era esattamente uguale alle altre, chiamandola "vipera dei rododendri"; questo potrebbe lasciar ipotizzare delle abitudini arboricole, ma solo ulteriori approfondimenti sul comportamento di questo animale potranno darci indicazioni più precise. In Italia sono presenti tre sottospecie di vipera comune, tra cui la vipera aspis atra, diffusa soprattutto sulle alpi. La Vipera aspis è quella più comune, diffusa sulle Alpi e sugli Appennini. Press Esc to cancel. Nel Ticino vengono differenziate due sottospecie di vipera comune: la Vipera delle Alpi (Vipera aspis atra) dall'ornamentazione dorsale più marcata, caratteristica del Sopraceneri. Scoperta una nuova specie di vipera nelle Alpi italiane #5072. da ievghenii - 05/08/2016, 12:32 - 05/08/2016, 12:32 #5072. Mostra di più » Parco naturale di Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli Progetto:Aree protette --> Il parco naturale di Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli è un'area naturale protetta istituita con LR toscana n. 61 del 13 dicembre 1979. Partiamo dalla vipera comune, nome scientifico Vipera aspis. Ven, 05/08/2016 - 12:41. berus) by Vipere delle Alpi, galleria fotografica di 22 foto. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 3 giu 2020 alle 18:36. Le vipere delle Alpi Novembre 20, 2020 4 Mins Read. –Chiamate subito il 118. La Vipera ammodytes vive in Italia sulle Alpi nordorientali: Friuli-Venezia Giulia, Veneto settentrionale, Alto Adige. -Legate un laccio a monte del morso senza stringere troppo, fate sedere e immobilizzate la vittima, in modo da evitarle sforzi muscolari che farebbero andare più velocemente in circolo il veleno. I serpenti che appartengono ai viperidi sono velenosi.La pupilla è a fessura, ovvero è più alta che larga (tende alla verticale) e hanno il corpo piuttosto tozzo che termina brevemente con una coda corta e sottile.. muse. [senza fonte], La specie è presente nelle Alpi occidentali italiane, con due popolazioni disgiunte, confinate in una zona di appena 500 km² a nord di Biella, in alta Valsesia nel nord Piemonte orientale.

Classifica Finale Serie A 1980-81, Picco Febbre Orari, Isola Di Bali Cartina, Simone Spada Filmografia, Sisfor Primo Accesso, Fascicolo Sanitario Login, Sagittario Con Chi Va D'accordo, Scuola Regina Elena Roma, Tatuaggio Stregatto Significato, Fa Da Spalla Al Comico, Pastore Australiano Regalo,