Salerno Letteratura: Pericoli e Jodice tra poesia e teatro

Tra le tante iniziative previste per la quarta edizione del festival “Salerno letteratura” la mostra “Piccolo teatro” a palazzo Fruscione (visitabile fino al 26 Giugno)  si dimostra un interessante dialogo tra le arti a cui è difficile rimanere indifferenti. Un felice connubio quello tra  il pittore e disegnatore Tullio Pericoli e il fotografo Mimmo Jodice che con le sue opere ha sottolineato il profondo significato delle poesie del filosofo Eugenio Mazzarella.

I ritratti che Tullio Pericoli ha realizzato sono quelli che raffigurano i modi di pensare e sentire dell’attore Toni Servillo e testimoniano la sua passione per il teatro, a cui si era già avvicinato nel 1995. Passione che non lo ha mai abbandonato. Il segno a carboncino di Pericoli  è sottile ma incisivo e sottolinea  quasi in modo caricaturale le espressioni facciali dell’attore. Ne mostra le posture, ne evidenza il gesticolare delle mani, si sofferma sulla bocca spalancata in un urlo  e su parole scritte che accentuano un vuoto che ammanta la mostra ma che non viene mai definito.

Quello stesso vuoto che appartiene alle candide sale della mostra e che conduce lo spettatore alla video istallazione di Mimmo Jodice le cui fotografie, rigorosamente in bianco e nero, si fondono alle poesie di Mazzarella  facendole apparire avanti gli occhi di chi guarda. La raffigurazione delle statue pompeiane di Jodice è lontana dall’essere classica, d’altronde  è un fotografo d’avanguardia amante delle sperimentazioni già dagli anni sessanta. Come si evince dall’opera “Figura Frammentata”,  i volti perfetti delle statue a cui siamo abituati qui sono deturpati, deformi, ghiacciati in uno stato di stupore che ha più a che fare con l’orrore assimilabile allo scorrere incessante del tempo. Ed è il tempo, che lascia segni indelebili, il vero protagonista, delle fotografie così come delle poesie che scandiscono i fotogrammi mentre portano lo spettatore a sondare coi suoi occhi gli abissi dell’animo umano.

Letizia Pizzarelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.