Ancora si muore – 21 marzo con Libera Campania a Ponticelli

Il 21 marzo siamo stati a Ponticelli, dove in 40.000 hanno sfilato insieme a Libera Campania per ricordare le 944 vittime innocenti della criminalità organizzata. Quella giornata ha ispirato questa poesia.

Ancora si muore
Con tempie bucate da pallottole vaganti
Con polmoni bruciati da roghi tossici
Sotto sguardi vitrei di omertosi silenzi.
Ancora si muore di Stati assenti
Di bisogni disperati urlati ai sordi
Di domande senza tempo ripetute ai muti.

Intanto marciano in luoghi martoriati gli incazzati.
Trascinano a fatica piedi pesanti e lunghi striscioni.
Con le tempie bucate e i polmoni bruciati
si resta vivi nelle lotte dei giusti.

Valentina Comiato

Libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.